settembre 2018

Il rapporto tra terra cruda e calcestruzzo La piscina municipale della città di Toro, provincia di Zamora in Spagna, è stata realizzata su progetto di VIER Arquitectos SLP nel 2011, nello stesso anno ha vinto il Premio internazionale per le installazioni sportive del Salone internazionale della Piscina di Barcellona mentre in precedenza aveva ricevuto il I Premio per l'Edilizia sostenibile del governo di Castilla e León. La sua particolarità è di armonizzare l'uso della terra cruda, dei muri perimetrali del complesso e in particolare dell'ambiente in cui si trova la vasca, con gli elementi lignei e con le strutture in calcestruzzo armato che riguardano le fondamenta, le parti che ospitano bar, spogliatoi e altri ambienti di servizio. La terra cruda pisé è il sistema costruttivo tradizionale della regione: Era stato dimenticato nel corso del XX secolo. La nuova piscina lo ha recuperato attraverso un'interpretazione architettonica dal disegno contemporaneo, austero e semplice nella sua...

L'Italia è un paese ricco di centri urbani di straordinaria bellezza. L’8% degli edifici risulta essere di interesse storico e le attuali esigenze richiedono la possibilità, anche per questi edifici, di attuare metodi di conservazione energetica. È possibile quindi isolarli termicamente rispettandone la loro preziosa natura? Quando è possibile isolare un edificio storico La possibilità di realizzare sistemi di isolamento termico dipende dalla tipologia di vincolo, dalla morfologia ed dal contesto in cui l’edificio si trova. Secondo il D.Lgs.19 agosto 2005, n. 192 relativa al rendimento energetico nell'edilizia, gli immobili soggetti a vincolo di tutela secondo il D.Lgs. 42/2004, saranno oggetto di valutazione del MiBACT e degli organi ad esso afferenti. Essi, nel loro esercizio di funzione di tutela, valuteranno caso per caso quali interventi siano realizzabili e quali invece siano in contrasto con le esigenze di tutela e conservazione dell’immobile. L’applicazione di isolanti alle murature. Negli edifici storici le murature sono generalmente massive, composte solitamente in...

SINDROME DELL’EDIFICIO MALATO E INQUINAMENTO INDOOR Temperatura, umidità e inquinamento indoor La presenza di inquinanti indoor all’interno delle nostre case dipende essenzialmente dall’efficienza del ricambio d’aria tra interno ed esterno, ossia deve essere adeguata alla dimensione dei locali e al numero di persone che vi soggiornano. La diffusione delle sostanze tossiche che causano inquinamento indoor, dipendono anche da temperatura e umidità. Infatti tutti i composti volatili COV (cioè che evaporano facilmente) si diffondono con più facilità all’aumentare della temperatura. Analogo discorso vale per l’umidità, se gli inquinanti sono solubili in acqua (formaldeide, ozono) un elevato tasso di umidità ne favorisce la propagazione. Temperatura bassa e umidità elevata inoltre favoriscono, la crescita di muffe e acari, mentre ambienti molto secchi sono un ottimo terreno di coltura per altri agenti biologici che possono portare ad infezioni ed allergie. Per garantire un’efficace e idonea qualità dell’aria indoor negli ambienti risulta quindi essere necessario controllare accuratamente: - Materiali da costruzione -...

VUOI PARLARE CON UN NOSTRO CONSULENTE?