dicembre 2018

La Bioedilizia Vera di cui Ton Gruppe è promotrice segue delle regole piuttosto semplici: Solo materiali naturali, armoniosamente amalgamati Concetti costruttivi specifici, per valorizzare le caratteristiche di ogni materiale La nostra CASA GEOSANA+ incarna in pieno questi valori ed è il nostro orgoglio: solo legno, canapa e terra cruda, assemblati con la massima cura e qualità per ridefinire gli standard della bioedilizia in Italia. La cosa che più ci da soddisfazione è l'aver raggiunto il traguardo di una bioedilizia veramente sostenibile (sana per l'uomo che la abita e per l'ambiente in cui è immersa) usando con semplicità e rispetto quello che la natura ci offre. L'impronta nell'argilla Non esiste un unico prodotto o un singolo materiale con cui realizzare una CASA GEOSANA+, tuttavia per noi è piuttosto chiaro che è l'argilla il vero protagonista della nostra "bio-rivoluzione". "L'argilla "tira fuori" la vecchia umidità dalle parete, e con essa rimuove le impurità" (U. Pinter) Questo articolo prende spunto...

Save the date! Salvatevi data e località: Venerdì 14 dicembre 2018 Località Osimo Stazione (AN) –S.S. 16 n 96 Inizio ore 11.00 La stagione delle visite ai nostri cantieri entra nel vivo. Con questo appuntamento Ton Gruppe apre le porte di uno dei cantieri più interessanti per vedere e toccare con mano i prodotti e le soluzioni con cui ridiamo vita agli edifici esistenti, trasformandoli in luoghi confortevoli e sani per tutti: Salute per chi vi abita Sicurezza per chi le costruisce Salvaguardia dell'ambiente   Cosa potrete vedere (e toccare?) Ton Gruppe è lieta di invitarvi a Osimo Stazione nelle Marche per una visita al cantiere dell'ingegner Giovanni Beccacece, una ristrutturazione di un "EcoBeB" che prevede l'uso esclusivo di materiali naturali e salubri. L'occasione è davvero unica data la varietà di materiali sani a disposizione: Blocchi Kryoton in terra cruda, il materiale più salubre che esista, con un ruolo centrale nel nostro concetto costruttivo (la Bioedilizia Vera); Pannelli Kartonsan, l'unica vera...

HAI PROBLEMI DI MUFFA? NON SEI IL SOLO La muffa sulle mura domestiche è uno dei problemi più diffusi e ostici, uno di quei problemi in grado di compromettere gravemente il confort abitativo con conseguenze non indifferenti per la salute delle persone. inestetismi della parete attaccata danni a mobili e impianti elettrici problemi respiratori/asma capogiri e dolori alla testa sviluppo di ipersensibilità ai prodotti chimici usati per contrasto Questi sono soltanto alcune delle conseguenze dell'esposizione continua a muffe in ambienti domestici, conseguenze non soltanto "fastidiose" ma spesso pericolose per la salute sino ad essere invalidanti. La presenza sul web di un vasto numero di articoli sul tema è una prova della pervasività del problema: è piuttosto evidente che le persone costrette a fronteggiare il problema delle muffe in casa rappresentano una fetta importante della popolazione, troppo importante per non convincere anche Ton Gruppe a fornire una propria soluzione. CHE COS'E' LA MUFFA "Non si può...

Lo scorso fine settimana si è conclusa con Restructura 2018 a Torino la stagione fieristica di Ton Gruppe per l'anno 2018 ma questo non significa che siano terminati gli appuntamenti interessanti. Una delle principali esigenze manifestate dai nostri clienti è quella di "toccare con mano" i nostri prodotti e di verificare in prima persona la consistenza delle nostre soluzioni. E' questo il motivo che ci ha spinto a intensificare il calendario di visite guidate ai nostri cantieri attivi, aggiungendo due nuovi appuntamenti nelle prossime settimane. VIENI A TROVARCI IN CANTIERE. VISITE GUIDATE TON GRUPPE Oggi vi sveliamo il primo appuntamento in calendario: si inizia in Lombardia, con il cantiere di Concesio in provincia di Brescia. Cantiere di Concesio (Brescia) - 30 Novembre 2018 - ore 10.00 [Per saperne di più su questo e sui prossimi eventi, consultate i nostri canali social] In occasione della visita a Concesio, il proprietario aprirà le porte di casa per mostrare a...

Lo scorso fine settimana si è concluso a Milano il Salone Internazionale della Canapa, luogo di culto che promuove l'uso della Cannabis spaziando dall'uso alimentare alla cosmesi, dal tessile al design, dal benessere alle tecnologie di punta. Abbiamo colto questa bell'opportunità per esporre le virtù di questo prezioso materiale naturale, che noi utilizziamo per i nostri sistemi costruttivi in bioedilizia. Da mettere in agenda, invece, il Bergamo Pica Festival. Città Alta la location preferita per la quarta edizione, che si terrà il 5, 6 e 7 ottobre (piazza Lorenzo Mascheroni) Peperoncino e canapa i protagonisti di questa iniziativa culturale e mostra mercato in cui, agricoltori, imprenditori e appassionati potranno condividere le proprie esperienze. Sarà presente Jack Pepper, alias Giancarlo Gasparotto, campione mondiale dei Mangiatori di Peperoncino Peppe Udine. Tra le degustazioni i laboratori, e gli altri eventi venite a trovare anche noi! Pagina ufficiale dell'evento...

Il rapporto tra terra cruda e calcestruzzo La piscina municipale della città di Toro, provincia di Zamora in Spagna, è stata realizzata su progetto di VIER Arquitectos SLP nel 2011, nello stesso anno ha vinto il Premio internazionale per le installazioni sportive del Salone internazionale della Piscina di Barcellona mentre in precedenza aveva ricevuto il I Premio per l'Edilizia sostenibile del governo di Castilla e León. La sua particolarità è di armonizzare l'uso della terra cruda, dei muri perimetrali del complesso e in particolare dell'ambiente in cui si trova la vasca, con gli elementi lignei e con le strutture in calcestruzzo armato che riguardano le fondamenta, le parti che ospitano bar, spogliatoi e altri ambienti di servizio. La terra cruda pisé è il sistema costruttivo tradizionale della regione: Era stato dimenticato nel corso del XX secolo. La nuova piscina lo ha recuperato attraverso un'interpretazione architettonica dal disegno contemporaneo, austero e semplice nella sua...

L'Italia è un paese ricco di centri urbani di straordinaria bellezza. L’8% degli edifici risulta essere di interesse storico e le attuali esigenze richiedono la possibilità, anche per questi edifici, di attuare metodi di conservazione energetica. È possibile quindi isolarli termicamente rispettandone la loro preziosa natura? Quando è possibile isolare un edificio storico La possibilità di realizzare sistemi di isolamento termico dipende dalla tipologia di vincolo, dalla morfologia ed dal contesto in cui l’edificio si trova. Secondo il D.Lgs.19 agosto 2005, n. 192 relativa al rendimento energetico nell'edilizia, gli immobili soggetti a vincolo di tutela secondo il D.Lgs. 42/2004, saranno oggetto di valutazione del MiBACT e degli organi ad esso afferenti. Essi, nel loro esercizio di funzione di tutela, valuteranno caso per caso quali interventi siano realizzabili e quali invece siano in contrasto con le esigenze di tutela e conservazione dell’immobile. L’applicazione di isolanti alle murature. Negli edifici storici le murature sono generalmente massive, composte solitamente in...

SINDROME DELL’EDIFICIO MALATO E INQUINAMENTO INDOOR Temperatura, umidità e inquinamento indoor La presenza di inquinanti indoor all’interno delle nostre case dipende essenzialmente dall’efficienza del ricambio d’aria tra interno ed esterno, ossia deve essere adeguata alla dimensione dei locali e al numero di persone che vi soggiornano. La diffusione delle sostanze tossiche che causano inquinamento indoor, dipendono anche da temperatura e umidità. Infatti tutti i composti volatili COV (cioè che evaporano facilmente) si diffondono con più facilità all’aumentare della temperatura. Analogo discorso vale per l’umidità, se gli inquinanti sono solubili in acqua (formaldeide, ozono) un elevato tasso di umidità ne favorisce la propagazione. Temperatura bassa e umidità elevata inoltre favoriscono, la crescita di muffe e acari, mentre ambienti molto secchi sono un ottimo terreno di coltura per altri agenti biologici che possono portare ad infezioni ed allergie. Per garantire un’efficace e idonea qualità dell’aria indoor negli ambienti risulta quindi essere necessario controllare accuratamente: - Materiali da costruzione -...

Sindrome dell'edificio malato e inquinamento indoor (parte quinta) Quando scegliamo di isolare gli edifici in cui abitiamo, solitamente prendiamo in considerazione i costi e le capacità termiche dei materiali. Ma sappiamo qual’è il prezzo degli effetti che questi isolanti hanno sulla nostra salute? Raramente questo aspetto viene preso in considerazione. Fibre minerali sintetiche Molti isolanti termici sono formati da fibre minerali prodotte artificialmente: fibre vetrose (lana di vetro e di roccia), fibre ceramiche, fibre di carbonio e numerose altre che sono andate nel tempo a sostituire le fibre di amianto, il cui impiego è stato proibito per legge. Questi materiali sono molto utilizzati come rivestimenti isolanti/coibentanti ed in resine rinforzate. Le fibre possono essere rilasciate nell’ambiente durante la posa in opera o durante interventi che implichino la manipolazione del materiale installato (ristrutturazioni, riparazioni). Effetti sulla salute Tali fibre di diverso diametro, possono dare irritazione di cute e mucose delle alte vie respiratorie. La IARC (International...

Come sopravvivere all’aria nelle nostre case Parte quarta MATERIALI DA COSTRUZIONE E PRODOTTI PER LA PULIZIA I materiali utilizzati per la costruzione e l'arredamento possono rappresentare una importante fonte di inquinamento indoor. Il problema delle emissioni perdura durante tutto il ciclo di vita utile dell’edificio. Subito dopo il completamento dell’edificio vi è il rischio di grandi quantità di COV dai materiali sintetici nuovi. Tale rischio diminuisce con il passare dei mesi, ma contemporaneamente inizia il degrado fisiologico dell’edificio e quindi il rilascio di altre sostanze pericolose, come l’amianto (ancora presente in ambito residenziale). [caption id="attachment_3154" align="alignleft" width="300"] Photo by Bernard Hermant on Unsplash[/caption] Composti Organici Volatili (COV) Appartengono a questa classe numerosi composti chimici tra cui il più diffuso e tossico è la formaldeide Varie sono le sorgenti di inquinamento di Composti Organici Volatili (COV) nell'aria degli ambienti indoor: gli “occupanti” attraverso la respirazione e la superficie corporea, • i prodotti cosmetici o deodoranti, • i dispositivi di riscaldamento, • i...

VUOI PARLARE CON UN NOSTRO CONSULENTE?